Lampadari classici, ecco perché stanno tornando alla grande

lampadario a soffitto
Un classico lampadario olandese a soffitto.

Una tendenza che si sta rifacendo viva: stiamo parlando dei lampadari classici che, dopo anni in cui hanno dominato la scena i faretti a led, le applique e le varie controsoffittature con delle strisce a led, sembra che stiano riemergendo con tutta la loro forza.

Adesso non c’è più bisogno di nascondere nulla, visto che i lampadari classici sono di nuovo apprezzati tantissimo. Il motivo di tale ribaltone? Molto semplice: scordatevi ovviamente che questi prodotti siano rimasti in linea con quelli proposti cinquant’anni fa, visto che si sono evoluti tenendo conto di uno stile tipicamente moderno.

Ecco, quindi, che si tratta di lampadari classici sia per quanto riguarda le forme che le dimensioni, ma al contempo bisogna sottolineare come siano soluzioni che sono in grado di adeguarsi senza problemi anche a tutti i vari arredi contemporanei. La decisione su quale tipo di lampadario classico puntare dipende strettamente anche dall’ambiente in cui deve essere inserito.

In soggiorno, ad esempio, è fondamentale che il lampadario sia in grado di svolgere anche una funzione di vero e proprio complemento d’arredo. Infatti, nella maggior parte dei casi viene collocato esattamente sopra il tavolo da pranzo, oppure nell’area in cui sono stati inseriti i divani. La scelta è strettamente correlata con lo stile complessivo dell’abitazione.

Per un soggiorno che presenta un gran numero di elementi di arredo di stampo tradizionale ed elegante, una delle migliori soluzioni è quella di puntare su uno dei vari modelli di Ideal Lux, che si chiama Phoenix, che viene proposto sul mercato sia in bianco che in nero, ma anche sotto forma di plafoniera. Tra le sue principali caratteristiche troviamo sicuramente il fatto di avere una forma rettangolare, che riesce a svilupparsi e che si adatta alla perfezione per il tavolo che viene posto al centro del soggiorno.

La luce che finisce sul pavimento segue lo stile e l’andamento di un tavolo piuttosto esteso, oppure di tutti quegli arredi che sono stati posizionati in modo parallelo rispetto alle pareti che presentano l’estensione in lunghezza maggiore. Per fare in modo di illuminare alla perfezione questo tipo di ambienti, una serie di lampadari può essere un‘ottima soluzione.

Il lampadario classico in camera da letto, invece, presenta sia forme che dimensioni molto meno ragguardevoli rispetto a quelle indicate per altri ambienti della casa. Spesso e volentieri, proprio per questa ragione, si tende ad optare per un modello a sospensione.

CONDIVIDI